Analisi Fondamentale Intesa Sanpaolo

 Home / Analisi Titoli / Analisi Titolo Intesa Sanpaolo

Data pubblicazione: 09/04/2017

Dati Societari

Azioni in circolazione
16792,278 mln.

Prezzo azioni ordinarie
2,54 EURO

Capitalizzazione
42.652,39 mln. EURO

* Dati riferiti alla data di pubblicazione

Autore: Claudio Guerrini

Pagella
Redditività
Solidità
Crescita
Rischio
Rating
Hold
Profilo Societario

Il Gruppo Intesa Sanpaolo, che nasce dalla fusione di Sanpaolo IMI in Banca Intesa, è il maggior gruppo bancario in Italia con 11,1 mln di clienti ed uno dei principali in Europa. E' leader italiano nelle attività finanziarie per famiglie e imprese. Con una copertura strategica del territorio si colloca tra i principali gruppi bancari nei mercati del Centro-Est Europa e nel Medio Oriente e Nord Africa. L'attività si articola in business units. Divisione Banca dei Territori: focalizzazione sul mercato e centralità del territorio per il rafforzamento delle relazioni con gli individui, le piccole e medie imprese e gli enti nonprofit; credito industriale, leasing, factoring. Divisione Corporate e Investment Banking: partner globale per lo sviluppo equilibrato e sostenibile delle imprese e delle istituzioni finanziarie; capital markets, investment banking, presente in 29 Paesi a supporto dell'attività cross-border dei suoi clienti con una rete specializzata nel corporate banking; partner globale per la pubblica amministrazione. Divisione Banche Estere: controllate che svolgono attività di commercial banking in: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Egitto, Federazione Russa, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Divisione Private Banking: serve clienti appartenenti al segmento Private e High Net Worth Individuals con offerta di prodotti e servizi mirati. Divisione Asset Management: soluzioni di asset management rivolte alla clientela del Gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale. Divisione Insurance: prodotti assicurativi e previdenziali rivolti alla clientela del Gruppo. Capital Light Bank: estrazione di valore dalle attività non-core, con gestione dei crediti in sofferenza e degli asset repossessed, cessione delle partecipazioni non strategiche e gestione proattiva degli altri asset non-core.

Andamento titolo

Le azioni Intesa SanPaolo fanno parte del paniere FTSE Mib e rientrano nel segmento Blue Chips.
Intesa SanPaolo mostra una rischiosità superiore a quella del mercato (beta maggiore di 1) dovuta alla presenza nel settore finanziario e alla dipendenza dei ricavi dall'andamento dei mercati finanziari.
Negli ultimi 3 anni il titolo Intesa SanPaolo ha registrato una performance del 4,6% rispetto al -6,1% dell'indice FTSE Mib: dopo una iniziale fase laterale, proseguita fino a gennaio 2015, il titolo ha avuto un andamento positivo culminato nei massimi di luglio 2015 (+46,5% rispetto al dato di inizio periodo), seguito da un trend decrescente durato circa un anno con un minimo a luglio 2016; parziale ripresa negli ultimi mesi, anche se piuttosto incerta e interrotta più volte da profonde correzioni.

Dati Finanziari
Voci di bilancio2014var %2015var %2016
Margine di Interesse10.472,00-7,119.727,00-5,419.201,00
Margine di Intermediazione17.570,001,5817.847,00-5,7316.825,00
Risultato di Gestione7.209,00-4,456.888,00-10,746.148,00
% sul margine di intermed.41,03----38,59----36,54
Risultato Ante Imposte2.961,0040,664.165,000,914.203,00
% sul margine di intermed.16,85----23,34----24,98
Utile di Esercizio1.310,00114,202.806,0014,043.200,00
% sul margine di intermed.7,46----15,72----19,02
Totale Attivo646.427,004,65676.496,007,18725.100,00
Patrimonio Netto45.062,007,8448.593,001,4949.319,00
ROE2,91----5,77----6,49
Commento ai dati di bilancio

Nel triennio 2014-2016 Intesa SanPaolo ha mostrato una diminuzione del Margine di interesse del 12,1% mentre il Margine di Intermediazione è sceso del 4,2% sostenuto dal buon andamento delle commissioni e dei proventi finanziari; in calo anche il risultato di gestione a 6,1 miliardi(-14,7%), mentre l'utile ante imposte è passato da 2,96 a 4,2 miliardi (+41,9%) ed il risultato netto è più che raddoppiato a 3,2 miliardi grazie ai minori accantonamenti su crediti. La redditività del capitale (ROE) è migliorata di oltre 3 punti passando dal 2,9% al 6,5%.

Comparables
AziendaP/EP/BVDividend Yield %
Intesa Sanpaolo13,670,877,01%
Unicreditneg0,800%
Ubi Bancaneg0,383,18%
Banco BPMneg0,340%

Commento : nel raffronto tra le principali banche italiane Intesa SanPaolo risulta la più cara sulla base del rapporto Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile) mentre è non è possibile effettuare un confronto sul Price/Earnings essendo l'unica che ha registrato un risultato netto positivo nel 2016; il rendimento da dividendi, superiore al 7%, è il più elevato tra le banche incluse nel campione.

Plus e Minus

Opportunità : il possibile aumento dei tassi di interesse potrebbe favorire il margine di interesse da cui dipendono oltre metà dei ricavi

Rischi : la notevole esposizione al mercato domestico la rende vulnerabile ad eventuali incrementi dello spread e del "rischio Italia"

Ultime News

08/05/2018 - Intesa Sanpaolo: utile trimestrale in crescita a 1252 milioni

Intesa Sanpaolo chiude il primo trimestre con una buona crescita dei principali indicatori reddituali e conferma l'obiettivo di un utile netto superiore a 3,8 miliardi. Nel dettaglio il margine di interesse ammonta a 1855 milioni (+2,8% sui primi 3 mesi del 2017) mentre i proventi operativi crescono del 14,2% a 4806 milioni, sostenuti dal buon andamento delle commissioni (+8,2%) e dalla crescita d... continua »

09/03/2018 - Intesa Sanpaolo: utile più che raddoppiato nel 2017

Intesa Sanpaolo chiude il 2017 con un utile oltre i 7 miliardi grazie al contributo statale per l'acquisizione delle banche venete mentre è in lieve calo il risultato della gestione operativa. Nel dettaglio il margine di interesse diminuisce dello 0,4% a 7,26 miliardi di Euro mentre le commissioni crescono del 7% ed il risultato dell'attività di negoziazione del 10,2% portando i proventi operativi... continua »

07/11/2017 - Intesa Sanpaolo: l'utile sfiora i 6 miliardi grazie ai proventi straordinari

Il contributo pubblico di 3,5 miliardi per l'acquisizione dei rami di attività di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca consente a Intesa Sanpaolo di chiudere i primi 9 mesi dell'anno con un utile più che raddoppiato sullo stesso periodo del 2016 mentre proventi operativi e risultato di gestione restano in flessione. Nel dettaglio il margine di interesse al 30-09 ammonta a 5369 milioni (-3,2% s... continua »

Ipotesi Valutazione e Sensitivity Analysis

Nell'applicazione del metodo del dividend discount model e dell'excess return si sono ipotizzati:
- una crescita delle attività che passa dal 5% nel 2017 al 3% di lungo periodo;
- una crescita delle commissioni al 2% del 2017 e 3% nel 2018 e seguenti;
- una riduzione del cost/income ratio dal 50% del 2017 al 55% di lungo periodo;
Infine si prevedono un tax rate stabile al 30% ed una progressiva diminuzione del payout fino al 67%.
I risultati del modello convergono su un valore per azione di circa 2,68 Euro che tende a crescere (ridursi) di 0,11 Euro per ogni punto in meno (in più) del cost income ratio come mostrato nella figura seguente.



Analisi Titolo Intesa Sanpaolo in formato PDF

DISCLAIMER

Questa pubblicazione (la "Pubblicazione") è stata preparata da Claudio Guerrini (l'"Autore") con l'ausilio del software Step 3.0 sviluppato da Evaluation.it Srl.

La Pubblicazione è stata elaborata in maniera autonoma e indipendente e senza la collaborazione della società oggetto di analisi (la "Società") o di altra società alla medesima legata da rapporti di partecipazione o controllo. La Pubblicazione ha scopo meramente informativo e, pertanto (i) non rappresenta, né può essere interpretata come, un'offerta o una sollecitazione ad acquistare, sottoscrivere o vendere prodotti o strumenti finanziari emessi o che saranno emessi dalla Società, o ad eseguire altre operazioni relative a tali prodotti o strumenti e (ii) non deve in alcun modo essere considerata idonea a sostituirsi all'autonomo giudizio di investimento dei potenziali destinatari.

Questa Pubblicazione è destinata alla distribuzione ed all'uso esclusivo delle persone che sono controparti ammissibili o clienti professionali, vale a dire persone che hanno esperienza professionale in investimenti, che sono persone autorizzate o persone esenti ai sensi del Financial Services and Markets Act 2000 e COBS 4.12 del New Conduct of Business Sourcebook del FCA. Per i residenti in Italia, questo documento è destinato alla distribuzione solo presso i clienti professionali e le controparti qualificate come definite nel Regolamento Consob n. 16190 del 29 ottobre 2007 e successive modificazioni ed integrazioni. Né Evaluation.it Srl, né alcuno dei suoi soci o dipendenti, ivi incluso l'Autore, garantiscono alcun risultato specifico per quanto riguarda le informazioni contenute nella presente Pubblicazione e declinano pertanto ogni responsabilità, diretta o indiretta, per gli eventuali danni, perdite, costi, spese o minori guadagni derivanti o comunque connessi con i contenuti della medesima. Ogni decisione di investimento/disinvestimento è di esclusiva responsabilità della parte destinataria della Pubblicazione, che è tenuta a svolgere autonome valutazioni sulla Società e sugli strumenti finanziari a cui è fatto riferimento nella Pubblicazione e ad assumere le proprie decisioni di investimento in modo autonomo e senza fare indebito affidamento sui contenuti della Pubblicazione.

Le informazioni, le stime e le opinioni contenute nella presente Pubblicazione si basano su informazioni messe a disposizione del pubblico dalla Società (bilanci annuali e infrannuali, comunicati stampa, presentazioni aziendali, documento di ammissione) o altrimenti disponibili al pubblico in quanto elaborate da siti di informazione finanziaria o dalla stampa periodica. Nonostante Evaluation.it Srl ritenga che tali fonti siano attendibili, essa non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la completezza, accuratezza o l'esattezza di tali informazioni e fonti.

Le informazioni, le stime e le opinioni contenute nel presente documento si riferiscono alla data della Pubblicazione e non vi è alcuna garanzia che i risultati e le performance future della Società siano coerenti con tali informazioni, stime e opinioni. Evaluation.it Srl non ha alcun obbligo di aggiornare o modificare la presente Pubblicazione, né di dare avviso del suo eventuale ritiro. Inoltre, le informazioni, le stime e le opinioni espresse in questa Pubblicazione possono essere soggette a modifiche e/o aggiornamenti, sulla base delle informazioni nuove e/o ulteriori disponibili, senza che ne sia dato avviso ai destinatari. Né la presente Pubblicazione, né alcuna copia di essa, possono essere riprodotti, direttamente o indirettamente, né distribuiti a terzi. Evaluation.it Srl ha ultimato la Pubblicazione alla data indicata nell'intestazione del presente documento. La Pubblicazione potrà essere oggetto di aggiornamento periodico, con una frequenza che dipenderà dal verificarsi di circostanze di fatto rilevanti (eventi societari, modifiche normative e regolamentari ecc.).

CERTIFICAZIONI DELL'AUTORE

L'Autore che ha predisposto la Pubblicazione, il cui nome è riportato nell'intestazione del presente documento, dichiara che:

  • a) le opinioni espresse sulla Società riflettono accuratamente la sua opinione personale, obiettiva ed indipendente;
  • b) non è previsto alcun compenso diretto o indiretto in cambio delle opinioni ivi espresse;
  • c) né l'Autore né qualsiasi altra persona della sua famiglia operano come funzionari, direttori o membri del Consiglio d'Amministrazione della Società;
  • d) l'Autore non riceve bonus, stipendi o qualsiasi altra forma di compensazione basati su specifiche operazioni di investment banking.

NOTE METODOLOGICHE

I Valori (o fair value) comunicati nella Pubblicazione sono basati sui metodi "discounted cash flow" ed "economic value added" nel caso di società industriali e di servizi ed "excess return" e "dividend discount model" per le società bancarie e assicurative. Qualsiasi sia il metodo di valutazione, si sottolinea che vi è il rischio concreto che il prezzo del titolo non si adegui al valore ipotizzato nella ricerca. I principali fattori di rischio includono imprevisti cambiamenti nell'andamento generale dell'economia, dei mercati finanziarie e nello scenario competitivo e nel livello della domanda per i prodotti della Società. Tali cambiamenti possono essere comportati, a titolo di esempio, da cambiamenti nei valori sociali, cambiamenti nei livelli di tassazione, dei tassi di cambio valute o nella regolamentazione. Tutti i prezzi sono riportati come prezzi di chiusura di mercato se non indicato diversamente.

RATING STOCK

I giudizi di "Strong Buy", "Buy", "Hold", "Reduce" e "Sell" si basano sul rapporto tra Valore risultante dall'analisi (V) e Prezzo di mercato del titolo (P) alla dalla data di valutazione (indicata nell'intestazione di questa Pubblicazione). I rating azionari e le valutazioni sono emessi in termini assoluti, non relativi alla performance del mercato.

Casi possibili:

  • STRONG BUY: rapporto V/P > 1,4;
  • BUY: rapporto V/P compreso tra 1,15 e 1,4;
  • HOLD: rapporto V/P compreso tra 0,85 e 1,15;
  • REDUCE: rapporto V/P compreso tra 0,6 e 0,85;
  • SELL: rapporto V/P < 0,6;

Il prezzo delle azioni indicato è il prezzo di riferimento del primo giorno di mercato aperto antecedente alla data dell'analisi indicata nell'intestazione di questa Pubblicazione.