Analisi Fondamentale Azimut

 Home / Analisi Titoli / Analisi Titolo Azimut
Dati Societari

Azioni in circolazione
143,254 mln.

Capitalizzazione
2.575,71 mln. EURO

Pagella
Redditività
Solidità
Crescita
Rischio
Rating
Hold
Profilo Societario

Azimut Holding è a capo di un Gruppo di società attive nella promozione, nella gestione e nella distribuzione in Italia di prodotti finanziari ed assicurativi. Azimut SGR opera nella promozione e gestione dei fondi comuni di diritto italiano, nonché nella gestione su base individuale di portafogli di investimento per conto di terzi. AZ Fund opera nella promozione e gestione dei fondi comuni di diritto lussemburghese. AZ Life offre prodotti assicurativi nel ramo vita. Azimut Consulenza SIM e AZ Investimenti SIM curano la distribuzione dei prodotti del Gruppo e di terzi tramite la propria rete di promotori.Costituito nel 1988, in poco più di un decennio si è affermato come una delle principali realtà del risparmio gestito grazie all'indipendenza, all'originalità del suo modello imprenditoriale, alle capacità di innovazione e alla qualità dei promotori finanziari.Oltre 50 strumenti di investimento sono gestiti dal team Azimut e distribuiti tramite un network di promotori finanziari particolarmente presenti nelle regioni centro settentrionali.

Andamento titolo

Le azioni Azimut fanno parte del paniere FTSE/Mib e rientrano nel segmento Blue Chips.
Azimut mostra una rischiosità superiore alla media del mercato (beta maggiore di 1) che riflette la correlazione dei ricavi all'andamento dei mercati finanziari.
Negli ultimi 3 anni il titolo Azimut ha registrato una performance del 120,2%, nettamente migliore del +39,7% dell'indice FTSE Mib; il titolo ha avuto un andamento rialzista fino ai massimi di inizio aprile 2014, con le quotazioni che sono più che raddoppiate in meno di diciotto mesi. Successivamente è iniziata una correzione che ha portato le azioni a perdere circa un terzo del loro valore seguita da un nuovo impulso rialzista ad inizio 2015 culminato nei massimi di metà maggio; la correzione avvenuta nei mesi estivi sembra essersi già conclusa ed aver lasciato spazio ad un nuovo trend rialzista.

Dati Finanziari
Voci di bilancio2014var %2015var %2016
Margine di Interesse-7,1339,34-9,947,12-10,65
Margine di Intermediazione314,6042,66448,81-11,01399,41
Risultato di Gestione187,7948,14278,18-33,54184,89
% sul margine di intermed.59,69----61,98----46,29
Risultato Ante Imposte184,8550,49278,18-33,54184,89
% sul margine di intermed.58,76----61,98----46,29
Utile di Esercizio93,24168,11249,99-29,08177,30
% sul margine di intermed.29,64----55,70----44,39
Totale Attivo5.139,1634,906.932,8911,467.727,28
Patrimonio Netto643,4413,02727,22-11,30645,07
ROE14,49----34,38----27,49
Commento ai dati di bilancio

Nel triennio 2012-2014 Azimut ha registrato una crescita del Margine di Intermediazione del 17,2% mentre il Risultato di Gestione è aumentato del 3,45% raggiungendo quota 187,8 milioni di Euro; andamento simile per il risultato lordo (+1,8%) mentre l'utile netto è diminuito del 41,8% a 93,2 milioni di Euro a causa del maggiore tax rate (accordo con l'Agenzia delle Entrate per la definizione delle controversie fiscali nel periodo 2010-13). La redditività del capitale è scesa di oltre 12 punti con il ROE che è passato dal 27,1% al 14,5%.

Ultimi Sviluppi : nei primi 9 mesi del 2015 i ricavi sono cresciuti del 36,6% a 547,6 milioni mentre il risultato operativo è passato da 130,2 a 232,9 milioni (+78,8%), in forte crescita il risultato netto a 208,1 milioni di Euro (+68% sullo stesso periodo del 2014).

Comparables
AziendaP/EP/BVDividend Yield %
Azimut34,535,003,51%
Mediolanum17,393,073,57%
Banca Generali20,436,133,45%
Anima29,503,542,00%

Commento : tra le principali aziende italiane operanti nel settore del risparmio gestito Azimut è la più cara se si considera il rapporto Price/Earnings (ma va considerato che l'utile 2014 è stato influenzato da oneri fiscali non ricorrenti) mentre è nella media se si utilizza il Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile), buono il rendimento da dividendi, intorno al 3,5%, in linea con Mediolanum e Banca Generali.

Plus e Minus

Opportunità : espansione all'estero anche attraverso acquisizioni

Rischi : normativa più rigida in materia di performance fee dopo gli interventi della Consob

Ipotesi Valutazione e Sensitivity Analysis

Nell'applicazione del metodo del dividend discount model e dell'excess return si sono ipotizzati:
- una crescita delle commissioni al 34% nel 2015 che passa in negativo nel 2016 (-5%) per tornare al 5% nel 2017 e scendere gradualmente fino al 3% di lungo periodo;
- un cost/income ratio che passa dal 34% del 2015 al 33% del 2022 e seguenti;
- una progressiva crescita dei proventi finanziari (dai 25 milioni del 2015 ai 32 milioni del 2022 e seguenti)
Infine si prevedono un tax rate in crescita al 13% ed un payout che passa dal 62% del 2015 al 78% di lungo periodo.
I risultati del modello convergono su un valore per azione di circa 25,1 Euro che tende a crescere (ridursi) di 0,4 Euro per ogni punto in meno (in più) del cost income ratio come mostrato nella figura seguente.



Analisi Titolo Azimut in formato PDF

I target price e le indicazioni di acquisto contenute in questo articolo sono ottenute per mezzo dell'applicativo Step 3.0 sulla base dei dati di mercato disponibili al giorno dell'analisi e della formulazione di ipotesi sul futuro dei risultati finanziari della società analizzata. Dette indicazioni sono fornite esclusivamente a titolo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento finalizzata a porre in atto transazioni sui mercati finanziari. Qualsiasi decisione di investimento che dovesse essere presa dagli utenti del sito, sulla base delle informazioni qui fornite, è di loro esclusiva responsabilità e deve intendersi assunta in piena autonomia decisionale, sotto la loro responsabilità e a loro esclusivo rischio.