Analisi Fondamentale Intesa Sanpaolo

 Home / Analisi Titoli / Analisi Titolo Intesa Sanpaolo
Dati Societari

Azioni in circolazione
16792,067 mln.

Capitalizzazione
35.584,29 mln. EURO

Pagella
Redditività
Solidità
Crescita
Rischio
Rating
Buy
Profilo Societario

Il Gruppo Intesa Sanpaolo, che nasce dalla fusione di Sanpaolo IMI in Banca Intesa, è il maggior gruppo bancario in Italia con 11,1 mln di clienti ed uno dei principali in Europa. E' leader italiano nelle attività finanziarie per famiglie e imprese. Con una copertura strategica del territorio si colloca tra i principali gruppi bancari nei mercati del Centro-Est Europa e nel Medio Oriente e Nord Africa. L'attività si articola in business units. Divisione Banca dei Territori: focalizzazione sul mercato e centralità del territorio per il rafforzamento delle relazioni con gli individui, le piccole e medie imprese e gli enti nonprofit; credito industriale, leasing, factoring. Divisione Corporate e Investment Banking: partner globale per lo sviluppo equilibrato e sostenibile delle imprese e delle istituzioni finanziarie; capital markets, investment banking, presente in 29 Paesi a supporto dell'attività cross-border dei suoi clienti con una rete specializzata nel corporate banking; partner globale per la pubblica amministrazione. Divisione Banche Estere: controllate che svolgono attività di commercial banking in: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Egitto, Federazione Russa, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. Divisione Private Banking: serve clienti appartenenti al segmento Private e High Net Worth Individuals con offerta di prodotti e servizi mirati. Divisione Asset Management: soluzioni di asset management rivolte alla clientela del Gruppo, alle reti commerciali esterne al Gruppo e alla clientela istituzionale. Divisione Insurance: prodotti assicurativi e previdenziali rivolti alla clientela del Gruppo. Capital Light Bank: estrazione di valore dalle attività non-core, con gestione dei crediti in sofferenza e degli asset repossessed, cessione delle partecipazioni non strategiche e gestione proattiva degli altri asset non-core.

Andamento titolo

Le azioni Intesa SanPaolo fanno parte del paniere FTSE Mib e rientrano nel segmento Blue Chips.
Intesa SanPaolo mostra una rischiosità superiore a quella del mercato (beta maggiore di 1) dovuta alla presenza nel settore finanziario e alla dipendenza dei ricavi dall'andamento dei mercati finanziari.
Negli ultimi 3 anni il titolo Intesa SanPaolo ha registrato una performance dell'80,3% rispetto al +10,2% dell'indice FTSE Mib; l'andamento è stato inizialmente positivo, con un guadagno di circa il 90% ai massimi di aprile 2014, seguito da una fase laterale, proseguita fino a gennaio 2015, ed un nuovo impulso positivo culminato nei massimi di luglio 2015 (+162% rispetto al dato di inizio periodo); da allora il trend è stato decrescente con una perdita di oltre il 30%.

Dati Finanziari
Voci di bilancio2013var %2014var %2015
Margine di Interesse12.461,00-15,9610.472,00-7,119.727,00
Margine di Intermediazione18.893,00-7,0017.570,001,5817.847,00
Risultato di Gestione6.850,005,247.209,00-4,456.888,00
% sul margine di intermed.36,26----41,03----38,59
Risultato Ante Imposte-4.816,00-161,482.961,0040,664.165,00
% sul margine di intermed.-25,49----16,85----23,34
Utile di Esercizio-4.557,00-128,751.310,00114,202.806,00
% sul margine di intermed.-24,12----7,46----15,72
Totale Attivo626.283,003,22646.427,004,65676.496,00
Patrimonio Netto45.058,000,0145.062,007,8448.593,00
ROE-10,11----2,91----5,77
Commento ai dati di bilancio

Nel triennio 2013-2015 Intesa SanPaolo ha mostrato una diminuzione del Margine di interesse del 21,9% mentre il Margine di Intermediazione è sceso del 5,5% sostenuto dal buon andamento delle commissioni; sostanzialmente stabile il risultato di gestione a 6,9 miliardi(+0,6%), mentre l'utile ante imposte passa da un rosso di 4,8 miliardi ad un saldo positivo di 4,2 miliardi ed il risultato netto sale a 2,8 miliardi dai -4,6 miliardi del 2013. La redditività del capitale (ROE) è migliorata di quasi 16 punti passando dal -10,1% al 5,8%.

Comparables
AziendaP/EP/BVDividend Yield %
Intesa Sanpaolo14,960,865,72%
Unicredit12,110,413,49%
Ubi Banca27,280,323,11%
Banco Popolare5,250,272,40%

Commento : nel raffronto tra le principali banche italiane Intesa SanPaolo risulta la più cara sulla base del rapporto Price/Book Value (Prezzo/Valore Contabile) mentre è nella media se si considera il Price/Earnings; il rendimento da dividendi, superiore al 5%, è il più elevato tra le banche incluse nel campione.

Plus e Minus

Opportunità : progressivo miglioramento della redditività (fino al 10% nel 2017) secondo il Piano di Impresa 2014-17 che prevede anche la distribuzione di dividendi per circa 10 miliardi nel periodo

Rischi : notevole esposizione al mercato italiano, andamento negativo dei mercati finanziari

Ultime News

04/11/2016 - Intesa Sanpaolo: ricavi e utile in calo

La diminuzione dei proventi operativi e la contemporanea risalita di oneri operativi e accantonamenti su crediti comprime l'utile di Intesa Sanpaolo nei primi nove mesi del 2016. Nel dettaglio il margine di interesse è di 5545 milioni (-4,2% sui primi 9 mesi del 2015) mentre i proventi operativi diminuiscono del 4,5% a 12664 milioni. Dopo aver consuntivato oneri operativi per 6318 milioni (+0,9%),... continua »

02/08/2016 - Intesa Sanpaolo: utile in calo nel primo semestre

Intesa Sanpaolo chiude i primi sei mesi dell'anno con un utile in flessione sullo stesso periodo dell'anno precedente a causa del negativo andamento dei ricavi, solo in minima parte compensato da minori costi operativi. Nel dettaglio il margine di interesse diminuisce del 5,6% a 3686 milioni di Euro mentre i proventi operativi scendono del 5,6% a 8628 milioni penalizzati dalla riduzione delle comm... continua »

06/05/2016 - Intesa Sanpaolo: utile in calo a 806 milioni

La compressione di interessi netti, commissioni e risultato finanziario impatta negativamente sui ricavi e sull'utile di Intesa Sanpaolo che chiude i primi tre mesi del 2016 con una riduzione di oltre 250 milioni dell'utile sullo stesso periodo del 2015. Nel dettaglio il margine di interesse è di 1881 milioni (-4,6% sui primi 3 mesi del 2015) mentre i proventi operativi diminuiscono del 12,8% a 40... continua »

Ipotesi Valutazione e Sensitivity Analysis

Nell'applicazione del metodo del dividend discount model e dell'excess return si sono ipotizzati:
- una crescita delle attività che passa dal 4% nel 2016 al 3% di lungo periodo;
- una crescita delle commissioni che passa dal 7% del 2016 al 3% del 2019 e seguenti;
- una riduzione del cost/income ratio dal 57% del 2016 al 52% di lungo periodo;
Infine si prevedono: una graduale riduzione dell'incidenza degli accantonamenti su crediti, un tax rate stabile al 34% ed una progressiva crescita del payout fino al 67%.
I risultati del modello convergono su un valore per azione di circa 3,15 Euro che tende a crescere (ridursi) di 0,1 Euro per ogni punto in meno (in più) del cost income ratio come mostrato nella figura seguente.



Analisi Titolo Intesa Sanpaolo in formato PDF

I target price e le indicazioni di acquisto contenute in questo articolo sono ottenute per mezzo dell'applicativo Step 3.0 sulla base dei dati di mercato disponibili al giorno dell'analisi e della formulazione di ipotesi sul futuro dei risultati finanziari della società analizzata. Dette indicazioni sono fornite esclusivamente a titolo informativo e non intendono in alcun modo costituire sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento finalizzata a porre in atto transazioni sui mercati finanziari. Qualsiasi decisione di investimento che dovesse essere presa dagli utenti del sito, sulla base delle informazioni qui fornite, è di loro esclusiva responsabilità e deve intendersi assunta in piena autonomia decisionale, sotto la loro responsabilità e a loro esclusivo rischio.