Analisi Settore: Costruzioni

 Home / Analisi di settore / Analisi Settore: Costruzioni

Analisi Settore: Costruzioni

Le aziende di costruzioni italiane sono attive nella realizzazione di alcune tra le opere più complesse ed importanti al mondo: Salini Impregilo sta completando l’ampliamento del Canale di Panama, Astaldi è impegnata nella realizzazione del terzo ponte sul Bosforo (Turchia) mentre Trevi ha firmato negli scorsi mesi il contratto per il consolidamento della diga di Mosul in Iraq.

Nonostante ricavi complessivamente in crescita e cospicui portafogli ordini e negli ultimi 3 anni le società considerate hanno avuto andamenti piuttosto deludenti in Borsa non riuscendo a superare l’indice di riferimento del mercato italiano (cresciuto nel periodo del 9%): Trevi in particolare ha perso quasi due terzi del proprio valore mentre Astaldi ha registrato una diminuzione dei corsi del 16,7% e Salini Impregilo ha guadagnato un modesto 6% (si veda in proposito il grafico 1).

Grafico 1: andamento comparato società di costruzioni (realizzato con funzione Storico e Backtesting di Step 3.0)

 

Le motivazioni vanno ricercate nelle specificità di ogni azienda: Trevi, essendo attiva anche nel “drilling” ha subito il negativo andamento degli ordini all’industria petrolifera già a partire dal 2014 mentre Astaldi, dopo aver toccato i massimi ad agosto 2015, ha visto emergere dubbi sulla sostenibilità del debito anche a seguito della difficoltà di cessione di alcune partecipate, infine Salini Impregilo, pur avendo registrato un andamento più regolare dei corsi, proprio nell’ultima settimana ha visto una diminuzione di quasi il 15% a seguito della presentazione del nuovo piano industriale. Gli andamenti borsistici riflettono poi in buona parte anche i risultati di bilancio: la tabella 1 mostra come nell’ultimo triennio solo Salini Impregilo abbia messo a segno un miglioramento dell’Ebitda (in buona parte dovuto all’allargamento del perimetro di consolidamento) mentre Astaldi abbia visto una riduzione del 5,9% e Trevi di oltre il 90%.

 

Ebitda (mln. Euro)

2013

2014

2015

Var. %

Astaldi

321,205

305,466

302,277

-5,89%

Salini Impregilo

261,121

438,155

509,294

95,04%

Trevi

143,79

126,357

8,933

-93,79%

 

Tabella 1: evoluzione Ebitda ultimo triennio (realizzato con funzione Analisi storiche di Step 3.0)

 

Venendo ad un raffronto sulla base dei principali multipli di mercato (tabella 2) è possibile osservare come Astaldi sia la società più a buon mercato sia sulla base del multiplo Prezzo/Utili atteso sia se si considera il P/Sales, molto contenuto anche il P/Book Value anche se in questo è superata da Trevi che si distingue però per essere la società con il P/U atteso più elevato. Salini Impregilo mostra i multipli P/Sales e P/Book Value più elevati mentre evidenzia un P/Utile atteso piuttosto contenuto.

 

Società

P/U 2016

P/Book Value

P/Sales

Astaldi

4,50

0,69

0,15

Salini Impregilo

8,83

1,37

0,32

Trevi

49,83

0,44

0,18

 

Tabella 2: multipli di mercato (realizzato con funzione Analisi comparative di Step 3.0)

 

Dal punto di vista delle raccomandazioni degli analisti (tabella 3) solo Astaldi e Salini Impregilo hanno un target medio superiore agli ultimi prezzi di mercato con la differenza che mentre la seconda gode di una prevalenza di indicazioni positive la prima vede gli analisti molto divisi e spaccati praticamente a metà tra chi ha una indicazione positiva e chi è neutrale o negativo sul titolo. Se si indaga ulteriormente si scopre però come, dopo le revisioni al ribasso dei mesi autunnali Astaldi abbia visto stabilizzarsi negli ultimi mesi i target medi mentre Salini Impregilo, proprio di recente dopo la presentazione del piano industriale, abbia assistito alle prime riduzioni dei target price da parte degli analisti.

 

Società

Buy

Outperform

Hold

Underperform

Sell

Target Medio

Prezzo

Diff. %

Astaldi

15

0

4

10

0

5,90

4,41

33,71%

Salini Impregilo

14

7

2

0

0

4,88

3,09

57,99%

Trevi

0

1

11

5

0

1,42

1,50

-5,29%

 

Tabella 3: indicazioni e target analisti (realizzato con funzione Raccomandazioni analisti di Step 3.0)

 

Conclusioni: il settore delle costruzioni si è dimostrato molto volatile negli ultimi anni, influenzato dal fatto che la marginalità per le società che lavorano su commessa può variare anche repentinamente. Tuttavia le società analizzate, ed in particolar modo Astaldi e Salini Impregilo, sembrano avere una buona continuità nella crescita dei risultati oltre a multipli molto contenuti che potrebbe rendere vantaggioso un inserimento delle azioni in portafoglio, magari per una piccola quota e ripartendo equamente l’importo investito tra i due titoli.